Varese Turismo
Principali Località
Stemma
stemma Sesto Calende
Informazioni Utili

CAP: 21018
Prefisso: 0331
Sito Ufficiale
Immagini Satellitari

Sesto Calende

imm_lago

Sorta in posizione strategica nel punto in cui il lago diventa fiume e si inoltra verso la pianura, abitata sin dall'età del bronzo, deve il suo sviluppo al controllo del traffico sul Ticino. Come tutte le città Sesto Calende è prima di tutto un luogo scelto dagli uomini per incontrarsi.
Il racconto della sua storia, dall’età del ferro ad oggi è la conferma di questa caratteristica, sottolineata dalla sua particolare posizione geografica, al passaggio tra due regioni importanti come la Lombardia e il Piemonte, nel punto dove il Ticino esce dal Lago Maggiore.
Le raccolte del nostro museo, nella parte storica e archeologica, dedicata alla culturadi Golasecca,offrono la possibilità di approfondire questo racconto, che può proseguire con la visita della città, dalle chiese del periodo romanico, alle vestigia tardo-medievali presenti in diverse frazioni, dal nucleo storico affacciato sul fiume al ponte di ferro.
La natura è stata generosa con questi luoghi offrendo un paesaggio di grande bellezza, tra lago, colline e montagne: il Monte Rosache incornicia il nostro panorama è ogni volta uno spettacolo affascinante, la valle del Ticino, tutelata e valorizzata dall’istituzione del Parco Regionale è un patrimonio di ricchezze naturalistiche di valore assoluto, riconosciuto anche dall’UNESCO.
Sesto sta vivendo in questi anni cambiamenti importanti, nell’economia, nella società e nel modo di essere della sua gente: le vecchie fabbriche storiche del vetro e dell’aeronautica hanno chiuso i battenti, ma l’attività economica ha trovato nuovo sviluppo in altrisettori dell’industria, dei servizi e del commercio. La sua vocazione turistica è destinata a crescere.Tra i suoi abitanti vi sono oggi cittadini che vengono da tutti i continenti.
La sfida è vivere questo cambiamento nel miglior rapporto con la propria storia: Sesto è cambiata e sta cambiando, ma non vuole perdere le sue radici, la sua tradizione di luogo di incontro e di accoglienza.